Siria: i terroristi rialzano la testa

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
Comunicato n. 8/21 del 22 gennaio 2021, San Vincenzo

Siria: i terroristi rialzano la testa

Siris, l’Isis cerca la rivincita

Attacchi condotti nel 2020? 593. Uccisi in queste azioni 901 uomini delle Forze Democratiche Siriane (Sdf, le milizie di curdi, arabi e siri riunitesi nel 2015 sotto l’egida degli Usa), 407 soldati dell’esercito siriano e 19 miliziani di altri gruppi.. La geografia di questi attacchi? Per la maggior parte intorno a Deir-ez-Zor (389), poi Raqqa (59), Hasakah (39), Homs (38), Aleppo (36) e Dar’a (29). Questi, almeno, i dati diffusi da Amaq, l’agenzia di notizie comparsa per la prima volta nel 2014, ai tempi dell’assedio di Kobane, e che fa da portavoce ufficioso del gruppo Stato islamico (Isis).

È certo possibile che i numeri siano un po’ gonfiati a scopo di propaganda. Forse l’Isis non ha lanciato tutti quegli attacchi e non ha ucciso tutte quelle persone. Ma un fatto è certo: i terroristi dello Stato islamico stanno cercando la rivincita in quelli che un tempo erano i loro caposaldi. Ultima propaganda a parte, certi segnali erano inequivocabili.

L’aumento degli attentati, soprattutto di quelli che rivelano la mano dell’Isis come le auto-bomba tra i civili e i kamikaze. Non a caso il 2020 si è concluso, il 31 dicembre, con un attacco a un autobus che viaggiava tra Palmira e Deir ez-Zor, che ha fatto 25 morti. Vi sono poi gli omicidi mirati, soprattutto ai danni della stampa indipendente e degli attivisti dei movimenti filo-curdi, e l’inesorabile crescita di atti di violenza compiuti in pieno giorno da uomini mascherati svelti poi a sparire confusi nella folla.

Il tutto approfittando del caos che regna nel Nord della Siria, nelle cosiddette «zone liberate», dove le milizie di ogni genere sono incapaci di garantire alla popolazione anche un minimo di sicurezza. E dove i fedeli del presidente Bashar al Assad, il cui obiettivo è recuperare il pieno controllo di ogni parte della Siria, sono impegnati in una guerra di logoramento e piuttosto inclini, quando possibile, ad aumentare il caos altrui.

Come si vede, però, i tentacoli dell’Isis tendono ad allungarsi verso le aree urbane decisive per la sopravvivenza della Siria, sia come entità economica sia come entità politica. Aleppo, Homs e la mai abbastanza considerata zona di Daraa, la città dove esplose la rivolta del 2011, al centro di una regione agricola fondamentale e prossima al confine con Giordania, Libano e Israele. Questa è anche l’area in cui sono più numerose le milizie iraniane e quelle filo-iraniane del Libano, che attirano i raid di Israele e sono sempre meno tollerate da una popolazione locale che le ha sempre considerate una presenza straniera e ostile.

Occhio quindi alla Siria! L’ennesimo Paese dove la guerra sembra finita, ma la pace non è mai arrivata.

http://www.fulvioscaglione.com/2021/01/20/siris-lisis-cerca-la-rivincita/