Il lavoro domenicale rende liberi

china-labour_2444586b-1Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza Comunicato n. 5/18 del 12 gennaio 2018, San Modesto

 Il lavoro domenicale rende liberi

Il totalitarismo neo-giacobino vuole costringere le persone a profanare la domenica.

Multa di 22mila euro al negozio di biciclette che rifiuta l’apertura domenicale

Groningen, Olanda del Nord, i proprietari pronti al ricorso: lavoriamo 53 ore a settimana, possono bastare

La decisione di abbassare le serrande del negozio di biciclette la domenica per concedersi un giorno di riposo è costata cara a due commercianti di Groningen, nell’Olanda del Nord, che si sono visti recapitare una multa da 22mila euro.

La notizia è riportata da DutchNews.nl, secondo cui a trascinare in tribunale Martin Haijkens e Peter Oest è stata l’associazione locale dei negozianti, convinti che tutti gli esercizi debbano restare aperti anche nei giorni festivi.

A nulla è servita la cancellazione dei due dall’associazione: per il tribunale l’eliminazione dall’elenco non può comunque avere effetto immediato. Il risultato è che sono stati condannati a pagare la quota associativa oltre alla multa, per un totale di circa 22mila euro, a cui se ne aggiungono 3mila di spese legali.  

La vicenda però resta aperta perché i due proprietari del negozio di biciclette hanno dichiarato di non avere “nessuna intenzione di pagare. Siamo già aperti per 53 ore alla settimana. Con il personale che possiamo permetterci è più che sufficiente. Assurdo chiederci di fare di più”.  

http://www.lastampa.it/2018/01/03/esteri/multa-di-mila-euro-al-negozio-di-biciclette-che-rifiuta-lapertura-domenicale-WLJoXDoM80FQ1byRvIOZ0M/pagina.html