Aleppo: “né guerra né pace”

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
Comunicato n. 78/17 del 3 ottobre 2017, Santa Teresa del Bambin GesùDSC04289-1

Aleppo: “né guerra né pace”

Aggiornamenti dalla Siria (dove il 28/9/2017 un cristiano è stato eletto presidente del parlamento: http://www.fides.org/it/news/62988-ASIA_SIRIA_Un_cristiano_diventa_Presidente_del_parlamento_siriano#.WdMzBUxaZGM)
Lettera da Aleppo n. 31 (24 settembre 2017), Nabil Antaki, per i Maristi Blu.
Né Guerra né Pace. È così che posso definire la situazione attuale in Siria in questo settembre 2017, sei anni e mezzo dopo gli eventi che hanno causato la morte di più di 350.000 persone, distrutto gran parte del Paese, sfollato un terzo della popolazione, spinto all’esilio oltre 3 milioni di persone e distrutto i sogni e il futuro dei giovani e di più generazioni di Siriani.

Attualmente, tutte le parti (governo siriano e poteri mondiali) hanno un solo obiettivo: sradicare Daech in Siria dopo averlo sconfitto in Iraq. Gli ultimi bastioni di Daech sono due città a Est: Raqqa, la capitale del sedicente Stato Islamico in Siria e Deir El Zor dove metà della città, la sua gente e la sua guarnigione furono circondati dai jihadisti per oltre 3 anni e riforniti dell’essenziale con ponti aerei. La prima è stata per metà liberata dalle truppe kurde sostenute dagli Stati Uniti. La seconda è sul punto di esserlo; l’esercito siriano, nonostante le pesanti perdite, è riuscito a liberare la città e villaggi nella provincia di Deir El Zor e ha rotto l’assedio della città raggiungendo gli abitanti circondati. I Siriani delle altre città siriane hanno prematuramente manifestato la loro gioia per la liberazione di Deir El Zor, che però non lo è ancora del tutto. Tuttavia, quando Daech sarà definitivamente battuto in queste due città e nei villaggi circostanti, sarà la sua fine in Siria.

Nel resto della Siria, non è “né guerra né pace”. Sotto l’egida della Russia e della Turchia e dell’Iran, ad Astana dove si sono svolti negoziati per molti mesi, sono stati conclusi diversi accordi per l’evacuazione dei ribelli dalle enclaves da loro occupate in varie regioni e permesso il loro trasporto nella provincia di Idlib, bastione di Al Nosra. Inoltre, diversi accordi di de-escalation hanno consentito di fermare i combattimenti e congelare la situazione in varie regioni: Damasco, Homs, Idlib …

I Siriani, pur felicitandosi per la cessazione dei combattimenti qua e là, prendono atto che il congelamento della situazione non durerà e porterà a un caos prolungato, alla divisione o alla suddivisione in aree di influenza, se il congelamento non è accompagnato da importanti progressi nei negoziati per raggiungere un accordo politico definitivo del conflitto.

Quello che ci rende un po’ ottimisti è che la maggior parte dei governi arabi, occidentali e turco, che fin dall’inizio hanno sostenuto, finanziato e addirittura armato i ribelli, per la maggior parte terroristi, finalmente hanno capito che il governo siriano non sarà rovesciato dalle armi come pensavano e desideravano, e che una soluzione politica può esistere solo confermando al potere il presidente , largamente sostenuto dalla popolazione, dall’esercito siriano e dall’alleato russo. Da qui le mutate dichiarazioni di alcuni leaders del mondo occidentale indicanti la loro priorità a combattere Daech e il terrorismo (cosa sempre ripetuta dal governo siriano da 6 anni a questa parte) e non la caduta del regime.

Ad Aleppo, dalla fine del 2016 (data dell’evacuazione degli ultimi terroristi verso Idlib e della liberazione della città), la situazione a tutti i livelli è notevolmente migliorata. Come prima del luglio 2012, non esistono più una Aleppo Est e una Aleppo Ovest, ma una sola città: l’Aleppo multimillenaria. Alcune parti di Aleppo, quelle più occidentali, continuano purtroppo a ricevere proiettili di mortaio quotidianamente lanciati dai ribelli installati a 10 km dalla città sul lato di Idlib.

Ma la stragrande maggioranza dei quartieri è sicura e gli Aleppini possono circolare e vivere senza la paura di un obice o del proiettile di un cecchino. Uno straniero che avesse seguito gli avvenimenti e il martirio di Aleppo, se venisse a trovarci adesso, sarebbe stupito dalla densità del traffico, dall’illuminazione degli incroci, dai bar affollati, dalle strade prima chiuse e ora riaperte al traffico, dai giardini pubblici pieni di bambini che giocano, dagli autobus per il trasporto scolastico in funzione, dai marciapiedi liberati delle migliaia di bancarelle che funzionavano come negozi e per la riapertura di molti negozi chiusi durante la guerra. L’acqua corrente ci viene nuovamente fornita almeno due giorni alla settimana e l’elettricità è fornita 12 o 15 ore al giorno.

Tuttavia, il quadro non è poi così roseo. Questa situazione “né di guerra né di pace” non incoraggia le centinaia di migliaia di Aleppini, rifugiati o sfollati, a tornare. L’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM) ha affermato di recente che 600.000 persone, la maggior parte della provincia di Aleppo, sono tornate nelle loro case. Questo numero deve essere un po’ sfumato perché la maggior parte di queste persone erano sfollati interni che si erano trasferiti in un’altra zona della città o in un’altra città siriana. Questa situazione non aiuta nemmeno la ricostruzione -perché ricostruire se non c’è pace?- nè la ripresa economica, perchè gli investitori restano in attesa. Il costo della vita e la disoccupazione sono ancora molto alti e perciò la povertà rimane. La maggioranza delle famiglie degli Aleppini ha ancora bisogno di aiuto per sopravvivere. (…)

http://oraprosiria.blogspot.it/2017/09/ne-guerra-ne-pace-da-aleppo-il-racconto.html